Big event 2018 con i leader dei batteri lattici per insilati

Tre giorni dedicati ai batteri lattici per insilati, Italia scelta come location ospite: Cima è protagonista!

Questa volta presentiamo un post di taglio giornalistico. Non c’è modo migliore, infatti, per raccontare un’esperienza di meeting aziendale, soprattutto se a essere coinvolte sono due società a forte apertura verso l’estero.

Nei primi giorni di dicembre si è svolto il meeting internazionale Christian Hansen. Basato su Verona, con escursioni in diverse zone del Nord-Italia, grazie a un cambio di programma delle delegazioni spagnola e francese si è trasformato repentinamente in un incontro a due:
•    La multinazionale danese con il compito di presentare novità e progetti basati su ricerche in ambito agro-zootecnico.
•    Cima in veste di organizzatore e conduzione dell’accoglienza e degli eventi.

Il tema su cui le due aziende hanno basato il meeting è stata la prestigiosa gamma di batteri lattici per insilati selezionati e prodotti da Christian Hansen.

Il primo giorno è trascorso in Villa Quaranta, famosa struttura ricettiva e congressuale in piena Valpolicella, ed è stato caratterizzato da una serie di workshop dedicati a strategie di marketing, presentazioni di prove e relativi risultati, sessioni di tecnica di insilamento e conservazione.
Davanti al gruppo di partecipanti Cima diversi componenti dello staff Christian Hansen hanno mostrato con orgoglio la leadership danese nel mercato dei batteri lattici per insilati e le caratteristiche vincenti della loro applicazione negli allevamenti e nella conservazione di biomasse destinate alla produzione di energia.
Semmai fossero rimasti dubbi sull’importanza dell’azienda danese sul mercato, questi sono stati fugati e il senso di appartenenza a un team internazionale di grandi protagonisti si è ulteriormente rinforzato.

L’aspetto che però ha colpito maggiormente i presenti è il riconoscimento, certificato da un documento sottoscritto da Christian Hansen, dell’evoluzione della partnership con Cima, avviata nel 2015 con un semplice rapporto cliente/fornitore e successivamente cresciuta di importanza fino a giungere, nel 2018, al grado di business partner.
Non è un semplice gioco di parole: questo livello conferma uno scambio di collaborazioni che va molto oltre il semplice acquisto e distribuzione di forniture di batteri lattici per insilati.
 
Al termine della prima giornata indoor, una sorta di verifica di apprendimento ha messo in mostra l’abilità dell’azienda Cima nell’esporre le proprie strategie per affrontare il mercato.


Il secondo giorno è stato dedicato alle visite in azienda.
Il gruppo ha viaggiato in bus GT dirigendosi verso la provincia di Piacenza, dove due aziende clienti di Cima hanno aperto le loro porte per un workshop caratterizzato dall’esame approfondito di metodologie di insilamento e conservazione di foraggi con l’uso di batteri lattici per insilati Christian Hansen.

L’azienda Botti, allevamento di bovini da ingrasso, insila con successo triticale e mais trattati con batteri lattici per insilati forniti da Cima. I risultati biologici del trattamento sono tali da consentire una semplice integrazione con lieviti nella razione dei tori e con enzimi nell’impianto di biogas presente in azienda per ottenere dati produttivi molto interessanti.
Analogamente, l’azienda condotta dalla famiglia Bersani, allevamento di bovine da latte la cui produzione è conferita alla caseificazione di Grana Padano.
Quest’azienda è un cliente che affida a Cima la gran parte delle forniture principali, sia di alimenti che di attrezzature e integratori. Tutti gli insilati, destinati all’alimentazione dei bovini e al caricamento del piccolo impianto di biogas, sono trattati con batteri lattici per insilati Christian Hansen.


La terza e ultima tappa ha posto il sigillo sul concetto di business partner che lega produttore internazionale e distributore locale. Con la visita all’Università di Piacenza e l’incontro con il Dr. Gallo e con il Prof. Masoero, autori della pubblicazione su rivista scientifica delle prove eseguite con i batteri lattici per insilati del tipo Silosolve FC, si è chiuso un lungo ciclo di sperimentazioni in campo che ha registrato risultati clamorosi e soprattutto certificati da una delle più importanti facoltà universitarie del ramo agro-zootecnico.


Vedi anche
17/04/2018
17/05/2018
17/02/2017
17/04/2017
17/07/2017
17/04/2017